Un territorio che è scrigno di eccellenze.

Una banca che punta all'eccellenza, lavorando sempre con e per il territorio.

Un abbinamento virtuoso, che può portare solo buoni frutti.
Sotto questi buoni auspici nasce il progetto
wine & chair, un marchio e un portale Internet per sostenere e promuovere la diffusione nel mondo delle eccellenze friulane.
Il VINO, espressione antica della passione per la terra e il suo duro lavoro, per ricavarne un nettare prestigioso in cui si riassumono odori e sapori di un ambiente dal clima e paesaggio esclusivi.
La SEDIA, prodotto principe di una tradizione artigiana e del gusto italiano per il design, che diventano storia industriale esemplare, con la costituzione di un Distretto di sistema e con performances da primato.
Questi testimonial hanno esportato con successo il nome del Friuli nel mondo, ma ancora si può fare per far apprezzare questo territorio unico, che si è meritato in letteratura la definizione di piccolo compendio dell'universo.
La posizione geografica, racchiusa tra le Alpi e l'Adriatico, ha creato le condizioni di una riserva naturale felice, delineata da dolci colline e percorsa da fiumi generosi di biodiversità, di cui si nutre la ricca campagna.
L'amore della gente friulana per la tradizione e il lavoro ha agito in profondità per consegnare oggi, ad ogni visitatore, uno spettacolo imperdibile di natura, saperi e sapori, perfettamente fruibile attraverso una rete organizzata di operatori dell'ospitalità TURISTICA e delle tipicità ENOGASTRONOMICHE.
Tutto questo patrimonio merita di essere continuamente valorizzato.
E ciò coincide esattamente con la mission del progetto wine & chair, che la BCC Manzano ha promosso e promuove con convinzione.
Un progetto concreto, di grandi orizzonti ed opportunità:
  • l'opportunità di conoscere un territorio straordinario, per tutti i visitatori e turisti

  • l'opportunità di valorizzare le proprie eccellenze, per tutte le Aziende Clienti e Socie della Banca impegnate nei settori del vino, del design e del turismo enogastronomico.
 
salta intro »